Statement

Italy: Criminal defamation legislation must be repealed

staff image

ARTICLE 19

07 Sep 2011

Share
Print

image

The recent case concerning Italian journalists have highlighted the need for serious reform of the country’s criminal defamation legislation. It is vital that the Italian Parliament repeal the provisions of the Penal Code on defamation so as to bring its legislation into compliance with the international legal standards on freedom of expression. Furthermore, the criminal defamation sentences of Walter Nerone, Claudio Lattanzio and Luigi Vicinanze should be reversed by the appeal court, Corte di Appello di L’Aquila.

Today, ARTICLE 19 sent requests to both chambers of the Italian Parliament, urging them to review and amend the provisions of the Penal Code dealing with defamation. The request was prompted by the recent decision of the Court in Chieti in criminal defamation cases of two journalists, Walter Nerone and Claudio Lattanzio and Luigi Vicinanza, a former director of Il Centro of Pescara.

The criminal defamation case against them was initiated by the Mayor of Sulmona who complained that the journalists defamed him in an article published by the local newspaper Il Centro of Pescara in 2007. The article stated that the Italian financial police (Guardia di Finanza) had initiated an investigation into the Mayor of Sulmona, Franco La Civita. The information about the investigation came from a 2007 court case concerning a dispute between the Mayor and a local entrepreneur. The journalists who jointly authored the article reported that investigation into the Mayor’s property status had been opened following the trial deposition by the local entrepreneur that the mayor owns a number of properties.

In response, the Mayor wrote a letter to Il Centro stating that the content of the article was untrue and defamatory, and asserted that the activities carried out by the Guardia di Finanza were a normal audit relating to him as a VAT number holder. Il Centro published the Mayor’s letter. 

The Mayor later lodged a criminal defamation complaint against the two journalists and the director of the newspaper.  In the course of the criminal proceedings, the journalists argued that they had not accused the Mayor of committing a crime, rather, they had been reporting about an investigation. They submitted written evidence that the investigation was launched following a motion in the case examining the dispute between the major and the local businessman. 

The journalists were charged under Article 595 of the Penal Code; under which defamation through the press is punishable by 6 months to 3 years imprisonment or with a fine not inferior to €516. If the offence is committed against a political, administrative or judicial body, or against one of their representatives or authority constituted in a college, the punishment can be increased. Article 595 may be also applied in certain cases to the director or vice-director responsible, to the editor or the printer.

On 10 May 2011, the Court of Chieti found that the claims in the article were unfounded and sentenced Nerone and Lattanzio to one-year imprisonment. Vicinanza, former director of Il Centro, was convicted to 8-month imprisonment. In addition, they were sentenced to pay €12000 for compensation and legal costs. All accused reported that they shall file the appeal against the decision, pending the delivery of the reasoning of the decision.  The extreme severity of the sentence has been widely criticized in Italy.

Unfortunately, this case is not the only instance where the provisions of the Penal Code on defamation were put to practice. According to available statistics, in 2010, 850 cases for offences of honour were brought before the Court of Cassation (excluding the cases cancelled prior to the hearing).

ARTICLE 19 is extremely concerned about the decision in this case. The continuous presence of criminal defamation provisions in the Penal Code and its application, as documented by the present case, is incompatible with basic democratic ideals as well as international guarantees of freedom of expression. These standards establish that although reputation must be protected from any harm done to it cannot be compensated by sending journalists to jail.

International bodies, such as the UN and the OSCE, have long recognized the threat posed by criminal defamation laws and have recommended that they should be abolished. In 2006, the UN Human Rights Committee called on Italy to “ensure that defamation is no longer punishable by imprisonment”. Similarly the UN Special Rapporteurs on Freedom of Opinion and Expression stated in their annual reports that “penal sanctions, in particular imprisonment, should never be applied.” In Resolution 1577 (2007), the Parliamentary Assembly of the Council of Europe has called on member states to abolish prison sentences for defamation without delay. These arguments are further elaborated in the ARTICLE 19’s key standard-setting publications, Defining Defamation: Principles on Freedom of Expression and Protection of Reputation which argues against criminal defamation.

ARTICLE 19 also notes that the jurisprudence of the European Court of Human Rights has repeatedly ruled that imprisonment for defamation is a disproportionate restriction on journalists’ right to freedom of expression. It has emphasised that that such a penalty has a chilling effect on journalists and inhibits the media even when the sentence has not been effectively executed.

ARTICLE 19 believes that the reform of the criminal defamation provisions in Italy is long overdue. Article 595 of the 1930 Penal Code of Italy was drawn up at a time when freedom of expression was not seen as a right. The original aim of all criminal defamation laws was to make criticism of monarchs or governments a criminal offence and to silence dissent. Today, defamation is, arguably, a private matter between two individuals with few public consequences. Any criminal law regulation, and especially the potential for imprisonment, is therefore inappropriate.

The experience of many countries that have abolished criminal defamation laws (such as Armenia, Bosnia and Herzegovina, Cyprus, Georgia, Ireland, Moldova, Montenegro, Ukraine, and the UK) shows that civil law  can provide remedies for harm to individual reputation along with the possibility of action by self regulatory bodies.

ARTICLE 19 is strongly convinced that the imprisonment of journalists for defamation is an anomaly in a democratic state such as Italy.  Such rulings legitimise countries with repressive regimes to use similar laws to harass journalists and critics of their regimes. Furthermore, the retention of the imprisonment for defamation discredits the Council of Europe and the EU -- of which Italy is a leading member -- in view of their support for free speech and human rights.

Italia: la legislazione penale sulla diffamazione deve essere abolita

Il recente caso concernente i giornalisti italiani ha evidenziato la necessità di una profonda riforma della legislazione penale del Paese sulla diffamazione. È vitale che il Parlamento italiano abolisca le disposizioni del codice penale sulla diffamazione in modo da rendere la sua legislazione conforme alle norme internazionali relative alla libertà di espressione. Per di più, le sentenze penali per diffamazione di Walter Nerone, Claudio Lattanzio e Luigi Vicinanza devono essere ribaltate dalla Corte di Appello di L’Aquila.

Oggi, ARTICLE 19 ha inviato richieste a entrambi le Camere del Parlamento italiano, esortandole a rivedere e modificare le disposizioni del codice penale riguardanti la diffamazione. La richiesta è stata stimolata dalla recente decisione del Tribunale di Chieti nelle cause penali per diffamazione contro due giornalisti, Walter Nerone e Claudio Lattanzio e Luigi Vicinanza, già direttore de Il Centro di Pescara.

La causa penale per diffamazione contro i giornalisti è stata iniziata dal Sindaco di Sulmona, il quale si lamentava che gli stessi l’avessero diffamato in un articolo pubblicato dal quotidiano locale Il Centro di Pescara nel 2007. L’articolo affermava che la polizia finanziaria italiana (la Guardia di Finanza) aveva iniziato un’indagine nei confronti del Sindaco di Sulmona, Franco La Civita. L’informazione sull’indagine giungeva da un caso concernente una disputa tra il Sindaco e un imprenditore locale. I giornalisti, i cui sono unitamente autori dell’articolo, hanno riferito che l’indagine sullo stato del patrimonio del Sindaco era stata aperta in seguito alla deposizione in giudizio dell’imprenditore locale, secondo cui il Sindaco possiede un numero di proprietà.

In risposta, il Sindaco scrisse una lettera a Il Centro dichiarando che il contenuto dell’articolo era falso e diffamatorio, e affermò che le attività eseguite dalla Guardia di Finanza erano un normale accertamento nei suoi confronti in quanto titolare di partita IVA. Il Centro pubblicò la lettera del Sindaco.

Il Sindaco iniziò più tardi una causa penale per diffamazione contro i due giornalisti e il direttore del giornale. Nel corso delle azioni legali penali, i giornalisti sostenevano che non avevano accusato il Sindaco di aver commesso un reato, piuttosto, avevano riferito su un’indagine. Hanno presentato prova scritta secondo cui l’indagine era stata lanciata in seguito ad una mozione nel caso in cui si esaminava la disputa tra il Sindaco e l’uomo d’affari locale.

I giornalisti sono stati accusati per mancato rispetto dell’articolo 595 del codice penale, secondo il quale la diffamazione recata col mezzo della stampa è punibile con la reclusione da sei mesi a tre anni o con una multa non inferiore a €516. Se l’offesa è recata a un Corpo politico, amministrativo o giudiziario, o ad una sua rappresentanza o ad un’autorità costituita in collegio, le pene sono aumentate. L’articolo 595 può anche essere applicato in certi casi al direttore o al vice-direttore responsabile, all’editore o allo stampatore.

Il 10 maggio 2011, il Tribunale di Chieti ha deciso che le affermazioni dell’articolo erano infondate e ha condannato Nerone e Lattanzio ad un anno di reclusione. Vicinanza, già direttore de Il Centro, è stato condannato a 8 mesi di reclusione. Per di più, sono stati condannati a pagare €12000 per risarcimento e spese legali. Tutti gli accusati hanno riferito che appelleranno contro la decisione; il deposito delle motivazioni della decisione è pendente. L’estrema severità della sentenza è stata largamente criticata in Italia.

Sfortunatamente, questo caso non è l’unico esempio in cui le disposizioni del codice penale sulla diffamazione sono state messe in pratica. Secondo statistiche disponibili, nel 2010, 850 casi per delitti contro l’onore sono stati portati dinanzi alla Corte di Cassazione (esclusi i procedimenti eliminati prima dell’udienza).

ARTICLE 19 è estremamente preoccupata per la decisione in questo caso. La continua presenza di disposizioni penali sulla diffamazione nel codice penale italiano e la loro applicazione, come documentata dal presente caso, è incompatibile con gli ideali democratici basilari, oltre alle garanzie internazionali della libertà di espressione. Queste norme stabiliscono che sebbene la reputazione debba essere protetta da ogni male fatto, questo non può essere compensato mettendo i giornalisti in carcere.

Enti internazionali, come l’ONU e l’OSCE, hanno riconosciuto a lungo la minaccia posta dalle leggi penali relative alla diffamazione e hanno raccomandato la loro abolizione. Nel 2006, il Comitato dei Diritti Umani delle Nazioni Unite ha fatto un appello all’Italia per “garantire che la diffamazione non sia più punibile con la reclusione”. Analogamente i Relatori Speciali delle Nazioni Unite sulla Libertà di Opinione e di Espressione hanno affermato nelle loro relazioni annuali che “le sanzioni penali, in particolare la reclusione, non dovrebbero essere mai applicate.” L’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa ha fatto un appello agli Stati membri nella Risoluzione 1577 (2007), affinché siano abolite, senza indugio, le condanne alla reclusione per diffamazione. Questi argomenti sono ancora elaborati nella pubblicazione di ARTICLE 19 che stabilisce delle norme chiave, Defining Defamation: Principles on Freedom of Expression and Protection of Reputation, la quale argomenta contro la legislazione penale sulla diffamazione.

ARTICLE 19 nota inoltre che la giurisprudenza della Corte Europea dei Diritti Umani ha ripetutamente stabilito che la reclusione per diffamazione è una restrizione sproporzionata al diritto dei giornalisti alla libertà di espressione. La Corte ha messo in rilievo che una pena di questo genere ha un effetto scoraggiante sui giornalisti e inibisce i media anche qualora la sentenza non fosse stata effettivamente eseguita.

ARTICLE 19 crede che la riforma delle disposizioni penali sulla diffamazione in Italia sia attesa da tempo. L’articolo 595 del codice penale italiano di 1930 è stato redatto a un tempo in cui la libertà di espressione non era vista come un diritto. Lo scopo originario di tutte le leggi penali sulla diffamazione era fare della critica dei monarchi o governi un reato e far tacere il dissenso. Oggi la diffamazione è verosimilmente una questione privata tra due individui con meno conseguenze pubbliche. La sua regolazione penale, e specialmente la possibilità della reclusione, è inappropriata.

L’esperienza di molti Paesi che hanno abolito le leggi penali sulla diffamazione (come l’Armenia, la Bosnia ed Erzegovina, Cipro, la Georgia, l’Irlanda, la Moldavia, il Montenegro, l’Ucraina, il Regno Unito) mostrano che il diritto civile può fornire rimedi al male causato alla reputazione individuale, di fianco alla possibilità di azione degli enti auto-regolatori. 

ARTICLE 19 è fortemente convinta che l’incarcerazione di giornalisti per diffamazione è un’anomalia in uno Stato democratico come l’Italia. Tali decisioni legittimano Paesi con regimi repressivi ad usare leggi simili per perseguitare giornalisti e critiche ai loro regimi. Per di più, la persistenza della reclusione per diffamazione scredita il Consiglio d’Europa e l’UE, delle quali l’Italia è uno Stato membro leader, in vista del loro sostegno alla libertà di parola e ai diritti umani nel mondo intero.